Il piccolo principe. Recensione di Filippo Dagnino

“Il piccolo principe”

 AUTORE: Antoine De Saint-Exupéry

CASA EDITRICE: Bompiani

ANNO DI STAMPA: 2007

GENERE: fantastico

LUOGO E AMBIENTE: il deserto del Sahara, l’asteroide B 612 e gli asteroidi da 325 a 330

PERSONAGGI PRINCIPALI: il Piccolo Principe e l’autore Antoine De Saint-Exupéry

LINGUAGGIO: narrativo

BREVE TRAMA: Un aviatore cade con il suo aereo nel deserto del Sahara e risvegliandosi vede un piccolo bambino che gli chiede di disegnare una pecora. Dopo innumerevoli tentativi per disegnare l’animale, l’aviatore fa una casa e dice al bimbo che all’interno vi é una pecora e il bimbo che é un piccolo principe lo accetta e comincia a raccontare la sua storia.

Il Piccolo Principe vive su un piccolo asteroide: il B 612, con tre vulcani di cui uno spento, e una rosa molto vanitosa. Un giorno parte e visita l’Universo andando negli asteroidi dal numero 325 al 330. Nel primo pianeta c’é un re triste perché nessuno é al suo servizio, sul secondo un vanitoso che quando il principe batte le mani lui fa tanti inchini, nel terzo c’é un ubriacone, nel quarto un uomo che conta le stelle convinto di possederle, nel quinto un lampionaio che accende e spegne il suo lampione e sull’ultimo un geografo che consiglia al Piccolo Principe di visitare la Terra. Il bambino vede sulla Terra molte cose nuove, tra cui: un serpente, tante rose e una volpe che addomestica. Il Piccolo Principe torna a casa quando si fa mordere dal serpente e anche l’aviatore torna a casa con il suo aereo.

MESSAGGIO DELL’AUTORE: L’autore vuole, con questo libro, descrivere il mondo degli adulti attraverso gli occhi innocenti di un bambino mettendone in evidenza i comportamenti innocenti e inutili. Inoltre vuole metterci a conoscenza delle tante cose dimenticate nella crescita. L’autore ci insegna anche che talvolta dobbiamo allontanarci da chi amiamo per capirne il valore, e a volte abbiamo bisogno di un amico che ci guidi in situazioni difficili da superare.

***GIUDIZIO E COMMENTO PERSONALE: Questo libro ti entra nell’anima e te la invade. Ti ricorda che, anche se ti senti superiore a tutto, hai un cuore ed é da questo che dipendi. Ti ricorda che le cose che hai nel cuore le avrai per sempre e che se cerchi di dimenticarle le avrai sempre lì e non se ne andranno mai.

il_piccolo_principe_6

Precedente LE VACANZE Successivo LA BOLLA DI ONAR. Elisabetta Carovani.