Nati per raccontare: ” I benefici della lettura ad alta voce sulla genitorialità”.

” I benefici della lettura ad alta voce sulla genitorialità”.

“Ero bambino e ho questo ricordo di mia madre che leggeva. Per lei leggere non era solo uno svago o un modo per informarsi, ma qualcosa di estremamente vitale. È questa dimensione di necessità che ha accompagnato la mia esperienza di lettore da sempre. È un percorso che dovrebbe essere considerato fondamentale per ciascuno: nessun bambino leggerà se non vede i genitori leggere, nessun bambino leggerà se casa sua è senza libri.”.Roberto Saviano

Leggere ad alta voce ai bambini fin dalla più tenera età è un attività coinvolgente: aiuta a rafforzare la relazione genitore-bambini, crea l’abitudine all’ascolto, aumenta i tempi di attenzione e accresce nel bambino il desiderio di imparare a leggere. La voce della mamma è “magia” per il bambino, rievoca calore e sicurezza e diventa la chiave per entrare in un mondo fantastico. Molti studi hanno indagato il beneficio della lettura sul bambino, in termini di maggior sviluppo lessicale, attaccamento sicuro con l’adulto di riferimento. Vogliamo spostare l’attenzione su quanto questa pratica sia importante per la mamma, quanto questo momento intimo aumenti la consapevolezza del suo nuovo ruolo. Partendo dal progetto nazionale, in collaborazione con i pediatri di famiglia, “NATI PER LEGGERE”, “LEGGERE PER CRESCERE” e proponendo alcuni lavori scientifici esteri, vorremmo scoprire con voi come la lettura con il proprio figlio, fin dai primi mesi di vita saldi il legame mamma-figlio, aumenti la consapevolezza del ruolo genitoriale.Pertanto abbiamo aperto una nuova pagina dedicata esclusivamente a questo argomento, dove ogni settimana pubblicheremo spunti di riflessioni, articoli, dati e sondaggi nell’intento di far crescere in ognuno di voi la voglia di cercare un momento tutto vostro da dedicare al vostro bimbo e alla lettura.

Paola Santagatamamme che leggono 1200 x 1200

Precedente LA FAVOLA DELLA CUOCA SAPIENTE Successivo COME FARE L'ISCRIZIONE ALL'ANAGRAFE PER I NUOVI NATI