L’ATTENZIONE

L’ATTENZIONE 

L’importanza dell’attenzione nel processo di memorizzazione.

Il ruolo dell’attenzione è fondamentale nei processi di memorizzazione e apprendimento. Alcuni esperimenti hanno dimostrato la possibilità di eseguire contemporaneamente due compiti diversi purché semplici, all’aumentare della complessità del lavoro richiesto, i soggetti tendono a sceglierne uno e a trascurare l’altro.

Un buon livello di attenzione consente di cogliere gli elementi caratteristici del materiale da apprendere, facendo si che si possa scegliere la strategia ottimale di codifica. L’attenzione dipende:

  • dalla nostra volontà,
  • dall’efficienza fisiologica che può variare con l’età,
  • fattori occasionali (stress, depressione..)

Attenzione significa attivazione del sistema cognitivo:

  •  recettività
  • velocità
  • capacità di costruire legami fra ciò che si deve apprendere e ciò che si sa già.

Elementi di disturbo nel processo di apprendimento

Quante volte i nostri bimbi non riesco a cogliere gli elementi di un problema, che avrebbero suggerito una soluzione veloce sulla base di nozioni già acquisite.

Occorre tener presente la quantità di risorse attentive a disposizione, per valutare la possibilità di apprendere con successo; studiare quando si è affaticati dopo un allenamento, o perché si sta studiando da diverse ore non produce un risultato positivo, allo stesso modo studiare quando si è in preda a forti emozioni, ripassare freneticamente prima di un’interrogazione è controproducente, perché l’emozione finisce per danneggiare l’elaborazione dell’informazione.

Anche gli stati depressivi temporanei possono ridurre le risorse attentive e determinare una perdita di efficacia dei meccanismi di apprendimento.

 

 

I commenti sono chiusi.