LA STANZA DELLE SERPI

LA STANZA DELLE SERPI

Recensione di Filippo Dagnino

AUTORE:

Lemony Snicket

CASA EDITRICE:

Salani

ANNO DI STAMPA:

2000

GENERE:

drammatico

LUOGO E AMBIENTE:

una villa

PERSONAGGI PRINCIPALI:

i fratelli Badelaire: Violet, Klaus e Sunny e il loro nemico: il conte Olaf

LINGUAGGIO:

narrativo

BREVE TRAMA:

Questo libro narra la storia degli sfortunati orfani Baudelaire:Violet, Klaus e Sunny che,
dopo tanti eventi sfortunati, si ritrovano nella villa del loro tutore cioè uno zio svampito proprietario di molti rettili. La vicenda può apparire lieta all’inizio quando gli orfani sono in compagnia di questi animali e dello zio. Tuttavia non bisogna lasciarsi ingannare perchè, dopo poche battute, entrerà in scena il conte Olaf, sotto il falso nome di Stephano, che si farà riconoscere come l’assistente dello zio svampito. Violet, Klaus e Sunny ,
dovranno affrontare molte disgrazie a causa di Olaf, ma riusciranno a trionfare mandandolo in prigione anche se, dopo poco tempo, riuscirà a evadere.

MESSAGGIO DELL’AUTORE:

Secondo il mio parere l’autore con questo libro vuole trasmetterci un messaggio di speranza in quanto, anche nelle situazioni più difficili e sfortunate, si può trovare sempre una via d’uscita con la buona volontà e la determinazione.

****GIUDIZIO E COMMENTO PERSONALE:

questo libro, pur essendo molto triste e drammatico, risulta di
piacevole lettura perché narra una storia emozionante e molto interessante.la-stanza-delle-serpi

Precedente PIZZA TANDOORI VOL.2 - MIA MAMMA? TE LA PRESTO! Successivo LA MANOVRA DI HEIMLICH