“INVICTUS” IL FILM

 “INVICTUS” IL FILM

INVICTUS non è solo una poesia, è anche il titolo di un grande film diretto da Clint Eastwood ed interpretato da Morgan Freeman, nel ruolo del Presidente Sudafricano Mandela, e da Matt Demon, nel ruolo di François Pienaar capitano della squadra di rugby Springboks.

TRAMA:

Nelson Mandela è il nuovo Presidente della Repubblica Sudafricana. L’apartheid è ufficialmente abolito, ma si manifestano ancora molte forme di razzismo.

Mandela deve trovare un modo per riunire la sua popolazione ancora spaccata in due: i neri ed i bianchi ed approfitta della Coppa del Mondo di Rugby del 1995. Infatti proprio in quell’anno viene permesso agli Springboks di partecipare ad eventi internazionali prima proibiti a causa dell’apartheid.

Il Presidente vuole che la squadra vinca il mondiale. Tuttavia gli Springboks, reduci da alcune sconfitte, non hanno ancora le giuste motivazioni per arrivare alla vittoria.

Mandela non si arrende. Convoca François Pienaar, capitano della squadra, e gli chiede di guidare la squadra alla vittoria citando la poesia “Invictus” che era stata sua fonte di ispirazione durante gli anni trascorsi in prigione.

Gli Springbocks vincono e questo evento segna l’inizio di un cammino verso la pace tra bianchi e neri.

COMMENTO:

Il film è ricco di riflessioni. Si parla di apartheid, di come l’odio razziale abbia disintegrato una nazione intera. Però si parla anche di sofferenza di un uomo che dopo 27 anni di prigionia trova la forza di unire un paese ormai diviso e sconfitto dall’odio. Mandela insegna al suo popolo come il perdono e la riconciliazione siano un’arma potentissima.

Il finale è poi molto commovente perché in quel momento si capisce che la gioia della vittoria diventa un inno alla vita per sperare in un futuro migliore.

Come scrive Henley e come ci insegna Mandela per quanto siano avverse le circostanze di una vita, per quanto possano determinare il destino, per quanto possano piegare una persona…non potranno mai spezzarla.

Gli eventi non possono essere di certo cambiati però il film e la poesia ci insegnano che possiamo imparare a cavalcarli con vento favorevole!

Filippo Dagnino invictus

Precedente I TEMPI CAMBIANO Successivo " ADOLESCENTI IN BOTTIGLIA. RAGAZZI E ALCOL CHE FARE?" Recensione di Roberta Cosmello