HALLOWEEN: “TRICK OR TREAT?”

Halloween si avvicina.. un pò di storia..

HALLOWEEN: “TRICK OR TREAT?”

Trick or Treat,
Trick or Treat:
I want something good to eat.
Trick or Treat,
Trick or Treat:
Give me somethig nice and sweet.
Give me candy and an apple, too
and I won’t play a trick on you!

La notte più misteriosa e mostruosa dell’anno sta per arrivare…

Ragnatele alle finestre, streghe con cappelli a punta, zucche illuminate su ogni davanzale, quando si parla di Halloween vengono subito in mente immagini che rimandano ad ambienti tetri, suoni cupi e maschere mostruose, ma sappiamo da dove prende origine questa tradizione?

Forse non tutti sanno che la festa di Halloween non nasce in America, ma ha origini antichissime rintracciabili in Irlanda, quando la verde Erin era dominata dai Celti.

Halloween corrisponde infatti a Samhain, il capodanno celtico.

Dall’Irlanda, la tradizione è stata poi esportata negli Stati Uniti dagli emigranti, che, spinti dalla terribile carestia dell’800, si diressero numerosi nella nuova terra.

Vediamo dunque insieme le trasformazioni di questa festa dall’Irlanda dei Celti fino ai giorni nostri, osservando cosa è successo e come, attraverso i secoli, sono cambiate le cose.

Innanzitutto Halloween deriva dalla forma contratta di All Hallows’ Eve dove Hallow significa Santo: quindi la vigilia di tutti i Santi.

I Celti erano prevalentemente un popolo di pastori ed i ritmi della loro vita erano scanditi dai tempi che l’allevamento del bestiame imponeva.

Alla fine della stagione estiva, i pastori riportavano a valle le loro greggi, per prepararsi all’arrivo dell’inverno e all’inizio del nuovo anno che cominciava il 1° novembre cioè quando terminava la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo.

Il passaggio dall’estate all’inverno e dal vecchio al nuovo anno veniva celebrato con lunghi festeggiamenti, lo Samhain cioè la fine dell’estate.

I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 ottobre, Samhain chiamasse a sé tutti gli spiriti dei morti che, in questa occasione, potevano unirsi al mondo dei vivi creando un’unione con l’aldilà e permettendo agli spiriti erranti di vagare indisturbati sulla Terra.

Samhain era, dunque, una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti, all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno.

Nella notte del 31 ottobre i sacerdoti celti andavano nella foresta sacra, accendevano fuochi e trascorrevano la notte tra balli e offerte agli dei.

All’alba raccoglievano i tizzoni ardenti dei fuochi e li distribuivano ad ogni famiglia che li usava per accendere il fuoco del nuovo anno in casa. Un rito che aveva anche il valore di proteggere la casa dagli spiriti maligni.

LA ZUCCA IN ORIGINE ERA UNA RAPA

Gli antichi Celti utilizzavano delle rape scavate, all’interno delle quali mettevano le braci del Fuoco Sacro. Le rape venivano utilizzate per illuminare le strade durante la notte di Ognissanti e la popolazione, considerandole una sorta di scacciaspiriti, le poneva all’ingresso delle case.

La zucca non era un frutto conosciuto in Europa, ma quando i primi britannici raggiunsero l’America, trovarono zucche di grandi dimensioni e sostituirono la rapa con la zucca.

IL CRISTIANESIMO ED I CELTI

Con l’avvento del Cristianesimo e attraverso le conquiste romane, Cristiani e Celti vennero a contatto e la Chiesa tentò, con scarso risultato, di sradicare i culti pagani. Halloween non venne completamente cancellata, ma fu in qualche modo cristianizzata, tramite l’istituzione del giorno di Ognissanti il 1° Novembre ed in seguito la commemorazione dei defunti il 2 Novembre.

LA CARESTIA DELL’IRLANDA

Verso la metà del XIX secolo, l’Irlanda fu investita da una terribile carestia.

Molte persone per sfuggire alla povertà decisero di abbandonare l’isola e di tentar fortuna negli Stati Uniti, dove crearono una forte comunità all’interno della quale vennero mantenute vive le tradizioni ed i costumi della loro patria e tra queste anche la festa di Halloween il 31 ottobre.

Ben presto, questa usanza si diffuse in tutto il popolo americano, diventando quasi una festa nazionale.

HALLOWEEN: COME SI E’ TRASFORMATA

Più recentemente gli Stati Uniti, grazie al cinema ed alle serie televisive hanno esportato in tutto il mondo i festeggiamenti di Halloween, contagiando anche quella parte dell’Europa che ne era rimasta estranea.

Halloween ha così perso i suoi significati religiosi ed i suoi rituali diventando un’occasione per divertirsi ed organizzare costose ed allegre feste.

Pare che ogni anno gli Americani spendano due milioni e mezzo di dollari in costumi, addobbi e feste per il 31 ottobre!

In Italia la spesa per questa festa si aggira complessivamente tra i 300 ed i 360 milioni di euro, circa 40 euro a testa!

TRICK OR TREAT?

Halloween per i bambini è la festa del travestimento: con il cappello a punta da strega, oppure con i denti da vampiro si aggirano per le case facendo il gioco del “Dolcetto o Scherzetto? (Trick or Treat?)” … e se non ricevono nessun dolcetto, preparatevi perchè di sicuro avranno pronto uno scherzetto “terrorizzante”.

Ma Halloween è anche la notte dei racconti terrificanti da fare al buio con un piccola torcia accesa e qualche cigolio di porta…

Tra tutti quelli che potrete trovare, ve ne sono due che sono dei veri classici “La leggenda di Jack O’ Lantern” e “La leggenda dei cavaliere senza testa – Sleepy Hollow”.

Eccole ….provate a leggerle con i vostri ragazzi, le troverete mostruosamente divertenti!!

Buon Halloweennnnnnn!!!!

Racconti di Halloween…nella Categoria “Speciale Halloween!”

Elide Olmo dolcetto_scherzetto

Precedente Il RUOLO EDUCATIVO DEI NONNO Successivo LA LEGGENDA DI SLEEPY HOLLOW: IL CAVALIERE SENZA TESTA