IN GIARDINO CON MAMMA E PAPA’

IN GIARDINO CON MAMMA E PAPA’!

E’ arrivata la primavera! Cosa c’è di più bello di una giornata trascorsa con i nostri figli, insegnando loro a prendersi cura di piccole piantine aromatiche oppure di qualche piantina fiorita.

Coltivare un orto, grande o piccolo che sia, è un’attività antichissima e naturale che con il tempo è diventata oggetto di studi proprio a seguito degli effetti positivi che produce sul corpo e sulla mente.

Gli Americani la chiamano Horticultural Therapy o più comunemente denominata Ortoterapia cioè la terapia della coltivazione: si tratta di una pratica riabilitativa che risale fino alla fine del 1800 quando negli Stati Uniti nacquero le prime serre a scopo terapeutico.

In Italia è una pratica ancora poco conosciuta ed utilizzata soprattutto in centri per disabili, anziani, carceri o anche ospedali laddove possa servire come riabilitazione psicofisica ed inclusione sociale perchè le controindicazioni sono praticamente inesistenti, mentre i benefici possono essere molteplici.

Indubbiamente trascorrere del tempo all’aria aperta e sporcarsi le mani di terra offre tanti vantaggi e allora perchè non far vivere questa esperienza ai nostri bambini?

Il rapporto uomo/bambino-natura è un qualcosa di salutare che i videogiochi, internet e la tecnologia in genere non sono in grado di offrire.

Attraverso la cura di un orto i bambini possono osservare da vicino la crescita dei prodotti derivanti dalla terra, apprendere l’importanza relativa al consumo di alimenti di stagione ed imparare ad accettare i cambiamenti.

Vediamo quindi i benefici dell’ortoterapia:

sviluppare la motricità: seminare, potare, raccogliere i frutti favoriscono il movimento e stimolano il coordinamento occhi-mani-braccia

sviluppare la conoscenza: conoscere l’origine dei prodotti, la loro stagionalità, i loro cicli naturali

esperienza multisensoriale: in questa attività tutti i 5 sensi sono all’opera

rafforzare l’autostima: il bambino può raccogliere e gustare i frutti del suo lavoro

fare, imparare e memorizzare: il bambino facendo moltiplica le sue possibilità di apprendimento ed imprime nella memoria ricordi indelebili

avere la consapevolezza del cibo buono: i bambini diventano consapevoli della bontà del cibo, imparano a rispettarlo ed anche le “antipatiche verdurine” o la “terribile frutta” diventeranno più gradevoli se coltivati, visti crescere e raccolti con le loro mani

L’ORTOTERAPIA HA SOLO EFFETTI POSITIVI

Non servono grandi spazi, né molti strumenti per vivere questa esperienza: qualche vaso, terra, acqua e tanta allegria…così le piante cresceranno in fretta!!

Potete ad esempio predisporre un angolo del balcone con dei vasi di erbe e piante aromatiche facendo scegliere ai più piccoli le loro preferite.

Per fare in modo che i bimbi non si scoraggino e per garantire loro la gioia del raccolto in breve tempo, scegliete piante che crescano in fretta: ad esempio potrete scegliere delle piantine di basilico pronte da trapiantare, del prezzemolo, delle piantine di fragole o di pomodorini.

Un’ottima idea per incoraggiare i bambini a coltivare l’orto e ad avvicinarsi alla natura consiste nel decorare il piccolo orto con qualcosa di colorato e accattivante, ad esempio con delle etichette per riconoscere le varie piantine, che avrete seminato, durante la crescita.

E perchè no, potrete anche aiutare i vostri bimbi a decorare con tanta fantasia i vasi che accoglieranno le piantine.

Insomma ….ci sarà parecchio da lavorare…mamme e papa’ tenetevi liberi, arrivano i “piccoli giardinieri”!!!

Buon orto a tutti!

 

Elide Olmo

 

I commenti sono chiusi.