ANASTASIA RITORNA. Recensione di Margherita Farina

ANASTASIA RITORNA

Autore

Lois Lowry

Casa Editrice

Mondadori

pag 140

Trama

Anastasia è cresciuta (ora ha 12 anni) e così pure la sua famiglia: adesso c’è anche Sam, un maschietto irresistibilmente buffo, che parla come un libro stampato, e, siccome il vecchio appartamento è ormai troppo piccolo, i Krupnik decidono di traslocare in una graziosa villetta, scatenando le furibonde proteste della nostra eroina. Ma la vita del nuovo quartiere offre una serie di imprevedibili sorprese, e, oltre a scrivere il suo primo romanzo, Anastasia stringe amicizia con una vicina “strega”, fa scombinati progetti matrimoniali e capisce fino in fondo cos’è l’amicizia…

Commento

Anastasia è diventata il mio personaggio preferito, perché è una bambina che non sempre riesce a capire le decisioni dei genitori, le capitano cose stranissime a causa del suo sbarazzino e fantasioso modo di fare, e mi sento molto simile a lei. Ho letto altri libri in cui è protagonista e sono rimasta molto colpita dal suo carattere tenace e dalla sua intelligenza: riesce a trovare sempre una soluzione per tirarsi fuori dai guai. Questo è il secondo volume della collana, e tratta in particolare il tema dei pregiudizi che a volte abbiamo sulle persone e sui luoghi che non conosciamo.

Margherita Farina anastasia-ritorna

Precedente "SPIKE-TEAM. LA PARTITA DEL SECOLO". di Margherita Farina Successivo IN VIAGGIO CON MAMMA E PAPA’