IL 112 DA OGGI NUMERO UNICO PER LE EMERGENZE

IL 112 DA OGGI NUMERO UNICO PER LE EMERGENZE

Dal 14 febbraio 2017 anche la Liguria si allinea ad altre regioni italiane e adotta il 112 come numero unico per le emrgenze.

Digitando il  numero 112 si potrà contattare la polizia, i carabinieri, i vigili del fuoco e il 118. Una centrale unificata con sede all’ospedale San Martino Ist (il quartier generale è al primo piano del padiglione che ospita già il 118) con almeno sei operatori al centralino che smistano tutte le telefonate.

Un pò di Storia

In Europa l’uso del numero 112 era auspicato già dal 1976 dal CEPT ( Conferenza Europea delle amministrazioni delle Poste e delle Telecomunicazioni), mentre la decisione di istiutire definitivamente un numero unico per tutta l’Unione Europea risale al 1991 ed è ora implementato dalla quasi totalità degli stati membri

La promozione della conoscenza e di un impiego efficiente del numero 112 in Europa è l’obiettivo primario dell’EENA (European Emergency Number Association), un’associazione no-profit con sede in Belgio

Nel 2004, l’Unione europea ha deciso che, entro il 2008, il NUE 112 avrebbe dovuto essere esteso a tutti i Paesi membri dell’UE. Molti paesi, a decisione comunitaria approvata (2004), si sono adeguati praticamente subito alla normativa; l’Italia, al contrario, non si è adeguata alla direttiva dell’Unione europea nei tempi previsti e per questo motivo è stata sanzionata dall’UE.

La Commissione europea nel 2007 ha infatti presentato ricorso contro la Repubblica Italiana e il 15 gennaio 2009 ha ottenuto la condanna dalla Corte di giustizia dell’Unione europea; i giudici europei hanno infatti riconosciuto l’inconsistenza delle misure sperimentali adottate dall’Italia. Tuttavia la buona volontà del Governo della Repubblica Italiana aveva permesso la sospensione delle sanzioni ma nel dicembre successivo, dato che l’Italia non aveva ancora manifestato segnali, né positivi, né negativi, l’UE ha richiamato nuovamente l’Italia, minacciando sanzioni onerosissime[6].

Nel 2008 solo il 22% della popolazione europea sapeva del largo utilizzo in Europa del numero unico di emergenza[7]. Allo scopo di aumentare la consapevolezza sul 112, nel 2009 la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno firmato una risoluzione che istituì l’11 febbraio (11/2) quale “Giornata europea del 112”.

Nel 2013, già il 27% dei cittadini europei conosceva l’uso diffuso del 112. La percentuale in Italia era del 5%[8].

Vantaggi

Il numero 112 è riconosciuto a tutte le reti GSM e può essere contattato anche da telefoni sprovvisti di SIM.

Tutte le chiamate al 112 verranno indirizzate alla centrale unica di emergenza 112. Questa è una notevole comodità per chi viaggia , poichè non è necessario conoscere i numeri di emergenza dei diversi paesi. Nel caso in cui il Paese preveda un numero di emergenza diverso dal 112, la chiamata viene reindirizzata automaticamente.

In Italia il nuovo 112 sostiuirà: sostituirà l’attuale 112 (Carabinieri), il 113 (Polizia di Stato), il 115 (Vigili del Fuoco) e il 118 (soccorso sanitario).

L’uso improprio del numero 112, nella maggior parte dei Paesi, è passibile di persecuzione, così come l’abuso di un qualsiasi altro numero per le emergenze.

Speciali condizioni del 112 quando si chiama da cellulare.

In caso di mancata ricezione dell’operatore telefonico, compare sul display del cellulare la dicitura “solo chiamate di emergenza” e la chiamata viene trasferita al primo operatore disponibile. La maggior parte delle chiamate di emergenza possono essere effettuate anche nel caso in cui altre chiamate non siano possibili, per esempio quando il credito disponibile sul cellulare è esaurito. Inoltre, per comporre e chiamare il 112 non è necessario sbloccare il cellulare, inserire il codice PIN o avere una sim card inserita.

Allo scopo di evitare abusi, in alcuni Stati come Belgio, Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Regno Unito, Romania, Slovenia, Svizzera il numero di emergenza 112 non può essere contattato da un numero di cellulare sprovvisto di una SIM Card operativa.

Precedente IL LUNEDI' SCOMPARSO Successivo USTIONI: I PERICOLI DOVUTI AD ACQUA E FUOCO