Crea sito

Figlia

Le prime confidenze tra figlia e mamma

prime confidenzePrime confidenze tra figlia e mamma.

La piccola V, in genere, la sera prima di addormentarsi si lascia andare a qualche confidenza riguardante ciò che ha vissuto durante la giornata all’asilo.

Non ama fare apprezzamenti o denigrare. Si limita (per ora 😉 ) a raccontare qualche episiodio di vita da bimba di scuola materna, a pochi mesi dall’inizio della scuola e alla sua prima vera esperienza di vita in comunità.

Ho ritualizzato (clicca qui per sapere cosa intendo per “ritualizzare”) il momento del “raccontami cosa hai fatto oggi a scuola”: non la sottopongo ad un interrogatorio, per carità, molti bimbi -lei compresa- se si sentono “sotto torchio” non parlano più liberamente, per cui la invito ad aprirsi con me liberamente. 

Ci sono sere in cui spende ben poche parole e non insisto, penso che se qualcuno insistesse con me per sapere qualcosa e magari fossi stanca e non mi andasse di parlare vorrei essere lasciata in pace, non credi anche tu 😉  ?

Rispetto di lei, bambina, dei suoi umori, della sua stanchezza o svogliatezza, dei suoi si e dei suoi no. 

Dicevo, quindi, di questo rito delle confessioni serali: sul lettone tra una coccola e l’altra le chiedo di raccontarmi cosa abbia imparato a scuola, se si sia divertita, con quale amichetta/o abbia interagito di più in quelle ore, le emozioni provate durante una determinata esperienza. Cerco di farle verbalizzare il contenuto della giornata. Lei si “alleggerisce” un po’ ed io, vuoi per curiosità di mamma, vuoi per deformazione professionale, acquisisco tanti piccoli elementi che mi fanno capire come vive la sua piccola esistenza di bimbetta.

Due sere fa mi racconta un episodio vissuto con due tra le sue amichette preferite, durante l’ora della merenda scolastica.

Little V dice di aver offerto ad entrambe le sue compagnucce un po’della propria brioche (desumo quindi l’abbia divisa grossolanamente in tre parti). 

Mi riferisce che una delle bimbe dice alla terza compagna di non aver ricevuto da little V il pezzettino e che quindi neppure lei avrebbe dovuto accettarlo. 

Little V scoppia in lacrime durante il racconto e credo abbia pianto anche un po’ il giorno dell’accaduto. 

Mi dice: «Mamma perchè B. ha detto una bugia? Io gliel’ho dato davvero il pezzo di brioche, forse lei lo ha nascosto e l’ha messo in tasca o… proprio non voleva che lo dessi anche a N. Ma perchè, mamma? Anche B aveva avuto la brioche ma continuava a dire che non era vero! ». 

I bimbi possono essere dispettosi, tutti, e magari gelosi delle amicizie in comune. Ho pensato ad un moto di gelosia di B che non ha percepito l’esclusiva del del dono di little V. 

Non so come sia proseguita la cosa, credo che sia intervenuta la maestra per placare un po’gli animi.

Ho ricordato alla mia bimba che aveva fatto bene a sottolineare alla sua amichetta N che la briochina era un dono per lei, ma anche per B e che l’aver voluto condividere una propria cosa è stato comunque un gesto simpatico e di amicizia 😉  

Piccola donnina cresce, si confronta e ascolta (almeno per ora 🙂 ) la propria mamma! 

 

Condividi su

Una figlia. Uno sbalordimento

 

Una figlia. Uno sbalordimento. Una perfezione.

 

Una figlia. Uno sbalordimento. Una perfezione. La cosa più nuova al mondo. così

piccola. Così piena di segreti. E ogni giorno porta nuove meraviglie: poichè ogni

sorriso, ogni gesto è un incanto. Ogni cosa è inattesa. Il suo volto si illumina

quando tu.. proprio tu, entri nella sua visuale. le tue canzoni la deliziano, solo tu

sei quella che la fa addormentare a carezze, allontanare le sue paure, portarla

dalle lacrime al riso. e’ così bella, così divertente, così vivace, così decisa. E ti

ama con tutto il suo cuore. Chi ha avuto una figlia così cara, non ha fallito nella

vita.

    Pam Brown

Condividi su

Caramelle senza tempo: le Galatine

Nelle Galatine ( nate nel 1956 ) c’è il sapore della mia infanzia, dei pomeriggi trascorsi con le compagne a fare i compiti gustando queste caramelle così buone da finire il sacchetto! 

Ricordo bene che mia madre che riponeva nella tasca esterna del mio zainetto ogni giorno una galatina così da poterla assaporare a scuola durante l’intervallo insieme al consueto panino.

Non sono passati troppi anni da quei momenti tra i banchi di scuola (eh,eh sono una mamma giovane 😉 ) ma posso dirti che le  Galatine sono le mie caramelle preferite anche ora!

Mi ritrovo ad avere in bocca spesso due o tre di queste caramelle dal gusto inimitabile costituite dall’ 80% da latte e che contengono yogurt, miele e zucchero.

Sono contenta che anche mia figlia apprezzi il sapore di queste tavolette al latte che le concedo di mangiare senza indugio (ma, ovviamene sempre sotto mio stretto controllo).

Da estimatrice di questa caramella senza tempo non ho potuto non assaggiare le Galatine al gusto latte e fragola,dal colore rosa e persino profumate che puoi reperire nei formati da 115 gr e in stick da 36 gr.

La mia bimba (la maggiore tra le due) ne va matta, complice la passione per un frutto molto simpatico ai bimbi (la fragola appunto) e al, tanto amato dalle femminucce, colore pink 😉 

Pochi giorni fa ho preparato con mia figlia un pacco regalo per una sua compagnetta di classe da cui avrebbe trascorso un paio d’ore e ho inserito nel pacco regalo (una graziosa scatola in cartone rosa, per rimanere in tema) una morbida bambola in stoffa ed un pacco di Galatine gusto fragola: quanta gioia quando la piccola amica ha aperto il suo regalo, quanta fretta di scartare le sue tavolette al latte!

Le bambine hanno giocato con la bambola nuova tutto il pomeriggio con tanta allegria mentre gustavano le loro Galatine, perchè un’ esperienza (anche sensoriale, come quella di assaporare una caramella preferita) quando è bella e regala gioia e piacere assume una valenza maggiore se condivisa 😉 

Evviva le Galatine, il tempo che passa vissuto con amore ed il gusto che si “trasmette” ,immutato, da mamma a figlia  😉    

Latte-e-Fragola_novita<img src=”https://buzzoole.com/track-img.php?code=BCQH4E1PGVT5JLOA9S0Z&#8221; alt=”Buzzoole” />

#galatine #amolegalatine

Condividi su