Hypnobirthing e il rapporto mente-corpo

La dott.ssa Carmen Innocenti, psicologa, antropologa ed insegnante di Hypnobirthing, pone in relazione tre parole: mente, corpo, parto.

Buona lettura!


Oggi è generalmente accettata la nozione che ci sia un’interazione fra mente e corpo. Tutti noi lo sappiamo e tutti noi sappiamo anche che occuparsi della mente vuol dire proteggere e spesso guarire il corpo. Quando siamo mentalmente rilassati stiamo bene fisicamente e ci ammaliamo meno. Al contrario, se siamo giù psicologicamente il corpo ne risente, persino il sistema immunitario si deprime, sotto stress psichico.

La relazione mente-corpo è bidirezionale, nel senso che una disfunzione del corpo innesca a sua volta una spirale negativa a livello delle emozioni e dei pensieri, che può peggiorare la condizione o interferire col processo di guarigione.

Nessuna condizione di benessere è mai completa, se le dimensioni mentale, corporea e spirituale non sono in equilibrio. Vediamo come questo principio possa essere valido anche in gravidanza e al parto.

 

Come funziona la mente?

La parte della mente di cui siamo consapevoli è piuttosto limitata. Pensa ad un iceberg, la mente conscia e razionale è la punta dell’iceberg, mentre la parte inconscia è quell’enorme e spesso sconosciuto mondo che esiste sotto la superficie.

Il nostro comportamento è molto meno razionale di quanto preferiamo credere. 😉 Captiamo in un istante le buone o cattive intenzioni della gente (anche se non sempre seguiamo le nostre intuizioni), e molte delle nostre decisioni sono basate sull’istinto, non sulla ragione. Non c’è tempo nella vita di tutti i giorni per il lento meccanismo della mente logico-razionale.

I meccanismi inconsci ed intuitivi sono responsabili della nostra capacità creativa, dell’immaginazione, del coraggio, dell’altruismo e di molte altre caratteristiche uniche degli esseri umani.

In gravidanza e al parto è come se questo iceberg si rovesciasse: pur continuando ad utilizzare la mente conscia, l’inconscio influenza molto più del normale il tuo comportamento, la tua mente e il tuo corpo. Si tratta di un meccanismo evolutivo che si è raffinato nel corso di millenni di evoluzione e che ci ha consentito di sopravvivere come specie.

Attivare il cervello mammaliano ci consente di non essere distratti da altre cose, e di individuare intuitivamente pericoli e difficoltà da cui allontanarci per il bene del figlio che portiamo in grembo.

Questo stesso meccanismo, però, può riportare a galla vissuti emotivi non elaborati, paure e fobie represse, oltre a problemi relazionali irrisolti. A questo si aggiungono le immagini mentali, le storie e le parole che definiscono la gravidanza e il parto nella nostra cultura, quella eredità, non sempre positiva, tramandata dalle generazioni passate, da tradizioni antiquate e da un’idea del parto fatta di paura e di rischio.

Preparare un buon parto significa occuparsi della mente, così come del corpo. Scegliere il proprio benessere fisico, emotivo e psichico è il primo atto materno di una donna.

In gravidanza e parto puoi nutrire la mente inconscia di pensieri, parole ed emozioni positive, che possono costituire la base di una nuova relazione di fiducia verso te stessa, verso il meccanismo della nascita, e verso il tuo bambino.

 

La mente è un alleato potente al parto.

Pensa, in generale, all’effetto placebo: la mente di una persona che ha una convinzione profonda si prepara con tutte le risorse di cui dispone ad accogliere quella convinzione, fino al punto di renderla reale. Questo succede, nella ricerca scientifica, quando il gruppo di controllo, inconsapevole di ricevere una medicina senza valore terapeutico, presenta rilevanti percentuali di guarigione o miglioramenti nelle condizioni mediche. Dato che non può essere la terapia ad avere effetto sulle condizioni fisiche-organiche, è la forza della mente e dei pensieri positivi e costruttivi a risvegliare il potere interiore di guarire.

Se la mente non fosse la meraviglia che è, come si spiegherebbe che il solo pensare all’esercizio fisico porta ad un incremento della forza muscolare? Eppure questo è testimoniato da alcune ricerche scientifiche.

Più in specifico, il cervello al parto mette la donna in stato di allerta, e addirittura in molti casi rallenta o interrompe le onde di ossitocina se l’ambiente non le consente di sentirsi a suo agio, se si sente osservata, se ha paura oppure se ha freddo. Così succede nei nostri animali da compagnia, che interrompono il travaglio e vanno alla ricerca di un luogo sicuro, dove continuare a partorire. Questo spiega come può succedere che, nel trasferimento da casa all’ospedale, un travaglio possa interrompersi e la dilatazione della cervice rallentare anche per ore: l’ambiente non familiare, le luci, le voci, e la sensazione inconscia di non sentirsi “a casa”, sono potenti ostacoli al meccanismo naturale del travaglio.

In generale, la mente non è reattiva e passiva, ma attiva e creatrice di realtà. Noi psicologi parliamo del fenomeno della “profezia che si autoavvera”, intendendo che ciò che una persona crede, il sistema di schemi mentali e di pensiero che utilizza per interpretare la realtà determina le risorse psichiche, l’atteggiamento e il comportamento, fino al punto da rendere reale ciò che è una costruzione mentale.

Insomma, se sei convinto profondamente che qualcosa sia fuori dalla tua portata, la tua mente si sforzerà di far combaciare la realtà alle tue aspettative, rendendoti difficile accedere alle risorse mentali e fisiche che ti servono per riuscire nel tuo intento. In questo modo, la mente diventa una tua nemica.

Ecco perchè un percorso, individuale o di gruppo, di accompagnamento alla nascita, dovrebbe consentire a mamma e papà di lavorare sul liberare le loro risorse interiori, quel potere della mente istintiva che esiste dentro di loro e che li aiuta a raggiungere e proteggere il senso di benessere psico-fisico in gravidanza e alla nascita. Non si tratta di autoconvincersi, ma di liberare gli ostacoli al lavoro armonioso che la mente e il corpo sanno fare.

Nel post scorso  parlavo di come nell’accompagnamento alla nascita con hypnobirthing si usino le parole per rimodellare il pensiero e rilasciare la paura.

Usare le parole giuste significa pensare meglio. Ma non basta, con le tecniche di rilassamento, visualizzazione e respirazione influenzi la mente inconscia ad andare in uno stato di calma, fiducia e benessere completo.

Perchè preparare il parto, se la mente e il corpo sanno già cosa fare?

E’ vero che in gravidanza e al parto l’istinto prende il sopravvento, o almeno così dovrebbe essere, ma è anche vero che gli esseri umani hanno fatto della capacità di controllare e razionalizzare gli istinti un loro punto di forza. Dunque, per quanto paradossale possa sembrare, per un buon parto abbiamo bisogno di imparare a disimparare, imparare a staccare la mente super-vigile e adrenalinica che ostacola il lavoro dell’ossitocina e della mente istintiva ed intuitiva.

Nella preparazione al parto ci si occupa di conoscere come sostenere il lavoro del corpo e della mente, come evitare di interferire, rilasciando la tensione ed accogliendo i cambiamenti della gravidanza e del parto.

Solo perchè è naturale, non significa che sia automaticamente semplice. In un percorso di consapevolezza del proprio corpo e delle proprie risorse, si trova la propria voce interiore, che all’inizio può essere flebile e incerta, e che poi diventa sonora e sicura. In questo modo ci si libera di quegli strati pesanti di medicalizzazione della gravidanza e del parto che, utili in pochissimi casi, creano nelle donne un senso di paura, sfiducia, ansia e desiderio di affidare ad altri il benessere proprio e del proprio bambino.

Scoprendo come funziona il tuo corpo in gravidanza e al parto (link all’articolo sulla fisiologia del corpo femminile), puoi mettere le basi per fidarti della tua natura, per guardare dentro di te, invece che fuori, e per abbracciare il tempo lento della nascita, essendo in grado di prendere decisioni informate e consapevoli, nel caso si necessitasse un intervento medico.

La buona notizia è che le risorse sono già lì, a tua disposizione: mente, cuore e corpo che funzionano in armonia, così come la natura ci ha programmati.

 

Dott.ssa Carmen Innocenti

https://www.instagram.com/lavitafertileblog/

https://www.facebook.com/lavitafertile/?fref=ts

334/2209914

hypnobirthing

Condividi su

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *