Antipasto originale: i cachi salati

Share:
Share

I cachi o diosperi sono il vero frutto di stagione. Ottimi nel gusto, perfetti per marmellate e dolci, da oggi si mangiano anche salati! Sinceramente non ho ancora provato questa ricetta, ma mi ha talmente incuriosita che il primo sabato libero la farò certamente. Non è assolutamente difficoltosa, ma è fondamentale sapere che ci vorranno quasi 5 ore di forno prima che siano pronti per essere gustati. L’ideale sarebbe avere a disposizione un albero dal quale cogliere i cachi non ancora maturi. Infatti servono proprio frutti acerbi o semi acerbi perché possa venire bene. Attenzione, non frutti verdi, arancioni, sì, manon ancora pronti per essere mangiati.

LEGGI ANCHE Qui: marmellata agrodolce di melanzane

Ingredienti:

cachi acerbi

olio aglio peperoncino sale e pepe.

Procedimento:

tagliate i cachi il più sottile possibile. Usate la mandolina o il coltello, come preferite, basta che le fette siano il più possibile regolari per facilitare la cottura uniforme. Accendete il forno ventilato a  gradi e disponete le fette in forno su una teglia coperta dell’apposita carta. Lasciatele per 4 ore, girandole una volta ogni ora. Dopo 4 ore passatele su una gratella e lasciatele ancora in forno per minuti. Spegnete il forno, aprite lo sportello a metà e coprite l’apertura con un canovaccio così che il calore rimanga il più possibile. Appena il forno è freddo, toglietele e condite con olio, sale pepe e peperoncino ( se piace). Aggiungete l’aglio e l’aceto, mescolate, coprite con la pellicola e lasciate 30 minuti. Dopo di che potete metterle nel barattolo. In frigo vanno avanti 1 mese. Sono perfette per l’aperitivo!

Foto cantosirene.blogspot.com

2 risposte a Antipasto originale: i cachi salati

  1. Simona scrive:

    Voglio provare,perchè ho un albero pieno di cachi,ma a quanti gradi il forno?
    pensi che sterilizzando il vasetto,si possano anche conservare più a lungo?

    • Francesca scrive:

      Il forno a 180°, come tutte le volte che vogliamo togliere lentamente l’umidità :)!
      Non ne ho la certezza, ma penso che sterilizzare il vasetto sia un’ottima soluzione. In alternativa puoi tenerli in un vasetto ermetico con del riso che assorbe l’eventuale umidità in eccesso…
      Prova e facci sapere!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>