SCEGLIERE L’ ASILO NIDO, come farlo??

SCEGLIERE L’ ASILO NIDO, COME FARLO??? Alzi la mano, chi come me, è arrivata in questa fase di crescita di proprio figlio. La maternità è purtroppo finita, avete usufruito di tutte le giornate di ferie arretrate e delle ore di permesso, oppure aimè avete un lavoro indipendente o un capo “esigente” (per non dire un’ altra parola) per cui siete necessariamente costrette a riprendere il vostro lavoro. State studiando come fare ad organizzarvi perchè ora non vi resta che qualche ora di allattamento da far coincidere con gli orari di lavoro e con chi vi accudirà il pupetto.

Siete davanti a una scelta difficile, il vostro cuore di mamma vorrebbe restare sempre con vostro figlio e mandare a quel paese il lavoro. Vedete troppo piccolo il vostro cucciolo per lasciarlo, anche se per poche ore, con un’ altra persona. Che sia un famigliare, una baby sitter o una maestra d’ asilo sarà difficile fidarvi e nessuno vi sembrerà all’ altezza di stare con il vostro fagottino. Sappiate che vi capisco perfettamente, ci sono passata anche io e mia figlia aveva solo 6 mesi!!!

Nel mio caso la scelta del nido non è stata un’ opzione, i nonni di Ginevra sono giovani e lavoratori e la bambina mi ha dimostrato fin da subito che amava stare in mezzo ad altri bimbi, giocare e rapportarsi con loro; percui non presi in considerazione la scelta della baby sitter in casa.

Ma care mamme, vi posso garantire che ad oggi non sono mai stata più contenta della mia scelta di mandare mia figlia in questo asilo. E’ cresciuta tanto in questo tempo, mi hanno aiutato quando avevo dubbi e sono state presenti nello sviluppo di mia figlia passo dopo passo. Di seguito vi dico come ho fatto:

DA CHE ETA’ MANDARLI? ogni bambino è un caso a se, ho potuto constatare che non esiste di fatto una regola precisa. Ci sono molti fattori che determinano il momento dell’ entrata al nido di vostro figlio, per esempio come ho detto all’ inzio, uno di questi è il vostro lavoro.  Leggerete sicuramente di psicologi che affermano che prima dei sei mesi sia traumatico per il bambino perchè potrebbe soffrire del distacco materno, ma d’ altronde se non vi sono altre alternative potete solo che affidarvi alle amorevoli cure delle maestre che vi aiuteranno ad inserire vostro figlio dolcemente, rispettando i suoi tempi. Un consiglio? inserite il bimbo circa un mese prima del vostro rientro al lavoro, avrete così il tempo di affrontare le giornate dedicate all’ inserimento seza altri stress e pensieri.

CARATTERISTICHE FONDAMENTALI? per me è stata una sensazione a “pelle”, una scelta di “pancia” e cuore! Prima di arrivare in quello che sarebbe stato poi la mia scelta avevo visitato altre due strutture, nessuna delle quali mi aveva dato quella sensazione di tranquillità e di serenità che cercavo. Volevo un ambiente famigliare e solare, che fosse luminoso e che si respirasse il profumo di pulito. Volevo avesse la cucina interna e un bello spazio all’ aperto per le giornate calde estive. Cercavo un team di maestre che mi trasmettesse sicurezza e fiducia, che fin da subito mi facesse capire che gli importava davvero conoscere mio figlio. Non crediate di essere troppo esigenti, per vostro figlio dovete esserlo!

asilo
GIARDINO DEI BIMBI (Pegli, GE)

DOMANDE: Non temete di soffocare di domande le maestre, in questo caso non sono mai troppe. Chiedete di visitare l’ asilo partecipando a qualche ora di didattica, è sicuramente utile. Cercate di capire se vi saranno bimbi dell’ epoca di vostra figlio, come si scadiscono le ore della giornata e le routine instaurate. Se siete delle mamme lavoratrici sarà fondamentale che l’ asilo abbia orari flessibili e che preveda delle ore di baby parking. Informatevi su chi preparerà i pasti di vostro figlio e come, insomma chiedete tutto ciò che vi passa per la testa!!!

asilo
GIARDINO DEI BIMBI ( Pegli, GE)

POSIZIONE: sentirete alcune mamme che vi diranno che hanno scelto l’ asilo del proprio figlio unicamente alla comodità della posizione. Non giudicò chi lo fa, anzi, fate bene ad avere un occhio di riguardo se i nonni possono raggiungere comodamente il nido, se è vicino a casa o al posto di lavoro…ma non fatene l’ unico metro di giudizio. Igene, ordine e ambiente accogliente e sicuro devono essere la vostre priorità e se è anche leggermente fuori mano…pazienza!!

Sappiate che non sarà facile fidarvi a lasciare il vostro cucciolo, vederlo crescere lontano da voi e dal vostro luogo sicuro. Fidatevi sempre del vostro cuore di mamma e cercate di capire guardando vostro filglio se ama stare in quel posto, se è contento di andarci! Se vi rendete conto che l’ asilo scelto non va bene confrontatevi con le maestre e discutete con loro le motivazioni perchè se si tratta di semplici incomprensioni è bene superarle parlandone.

Io ho avuto la fortuna di conoscere questo asilo nido https://www.facebook.com/giardinobimbi/?fref=t,  mi ha dato tutte le sicurezze di cui necessitavo e rifarei la mia scelta altre 100 volte a occhi chiusi. Accompagno mia figlia alla mattina contenta, che mi saluta sulla porta e mi dice ” Ciao mamma a dopo!”. La maestra Lidia mi ha aiutato quando ero incerta e non sapevo come fare a superare delle difficoltà, ama mia figlia e me lo dimostra continuamente.

A settembre Ginevra andrà “all’ asilo dei grandi” e sarà una nuova sfida sia per lei che per noi genitori. Ma questa è un’ altra storia che vi racconterò più avanti !!!! 🙂

#mumtobe

Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna notizia

Ti potrebbe interessare anche :

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/cresce-bambino-dalla-27-alla-40/

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/checklist-primo-trimestre/

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/come-cresce-il-tuo-bambino-13-alla-26/

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/cresce-bambino-2-alla-12-sett/

 

 

Precedente CHECKLIST SECONDO TRIMESTRE, diario della mia gravidanza!