PRIME PAPPE, per vivere bene lo svezzamento anche divertendosi!

PicMonkey Collage1Posso affermare che il momento dello svezzamento è stato veramente un periodo divertente!

Ricordo che potevo impegnarmi quanto volevo a prepare la minestra più buona e delicata del pianeta, che la sua prima smorfia meritava sempre di essere immortalata in una foto!!

Era un momento impagabile, così posizionavo la fotocamera su una pila di libri per godermi quell’ espressione disgustata!!!

In questo articolo vorei dare dei consigli pratici per viversi al meglio questa fase. Non voglio dirvi cosa dare o non dare da mangiare ai vostri bimbi, anche perchè ho potuto constatare con le mie amiche che ogni pediatara ha il suo metodo ed sempre bene affidarsi a lui. Sono del parere che non esistano regole sul momento esatto in cui iniziare lo svezzamento, ogni bambino ci arriverà con i suoi tempi.

Una regola fondamentale dello svezzamento è di inserire gli alimenti in modo graduale per tenere sotto controllo il fattore allergie. Vi basterà dare lo stesso alimento almeno per tre giorni di seguito, così in caso di reazione capirete il fattore scatenante.

CONSIGLI UTILI:

  • SCELTA DEL BAVAGLINO: sappiate che non esisterà un bavaglino sufficientemente grande per salvarvi da sputi, rigurgiti e pappe volanti. Certo potrete scegliere quello più grosso sul mercato, ma è fondamentale che sia plastificato sul retro in modo tale da non far tapassare il bagnato sui vestiti.
  • CUCCHIAINO: scegliete quelli ergonomici adatti per le prime pappe, sono morbidi ed alcuni cambiano colore se stimolati a temperature troppo alte. Un cucchiaino poco concavo all’ inizio vi faciliterà e vi aiuterà a raccogliere le pappe sparse sul viso.
  • LIMITATE I DANNI: posizionate sotto il seggiolone un sacco di plastica da spazzatura aperto bene, tutto ciò che cade a terra verrà raccolto dentro di esso e voi non dovrete fare altro che richiuderlo e buttarlo! Scegliete i piattini con la ventosa sotto, staranno più fermi e vi aiuteranno a concentrarvi. Alcuni hanno la possibilità di inserire dell’ acqua calda in un vano caldaia, vi terranno un pò più a lungo il cibo caldo.
  • SEDUTO BENE: quando si sceglie il seggiolone si da per scontato che il bambino possa starci bene seduto. Invece vi posso assicurare che in alcuni modelli, i bambini scivolano assumendo posizioni sbagliate. Scegliete sempre quelli con il riduttore, nel caso il vostro modello non lo preveda, adattate sulla seduta un tappetino da doccia con le ventose. Vedrete che il tappetino limiterà il “sgusciare via” del bambino.
  • NON INSISTETE: il mio pediatra mi ha sempre detto che quello che non mangia oggi, riproposto dopo qualche giorno, potrebbe essere aprezzato. Non sfiduciatevi se all’ inizio non finirà tutto il pasto, se un giorno non avrà voglia di mangiare lasciate perdere. Se insistete troppo rischierete di far vivere come un incubo il momento della pappa.
  • VIA I MUSI LUNGHI: siate divertenti, rendete questo momento piacevole lasciandovi andare con qualche verso oppure aprendo la bocca per indurlo a imitarvi. Fatevi vedere che assaggiate il cibo e armatevi di pazienza. Se proprio state per cedere al nervosismo, chiedete “un cambio”.
  • AFFAMATO MA NON AFFAMATISSIMO: posso garantirvi, per esperienza, che è sempre bene non far arrivare al pasto super affamato il vostro cucciolo!!!! Potrebbe essere così tanto impaziente di mangiare, che si faccia prendere da una crisi di nervi prima ancora che arrivi il cucchiaino alla bocca.
  • ROUTINE: questo me l’ ha insegnato l’ asilo nido suggerendomi di farlo anche noi genitori a casa. Prima di mangiare si va in bagno a lavarsi le mani, ci si prepara alla pappa mettendo il bavaglino e nominando tutti gli oggetti (biberon, cucchiaio..). Cercate di dargli il pasto sempre alla stessa ora, se lo fate mangiare prima di voi lasciatelo poi nel seggiolone e mettetevelo vicino a tavola che possa guardarvi e condividere con voi questo momento.
  • SPERIMENTARE:all’ inizio dello svezzamento dategli il cucchiaino lasciandogli la possibilità di giocarci e di conoscerlo, ovviamente sotto la vostra super visione!! Sarà divertente guardare la loro espressione tutta concentrata!!!! Lasciateli toccare con le mani e se si sporcheranno vorrà dire che farete una lavatrice in più quella settimana!!!

Mia figlia, per fortuna, è sempre stata una bella forchetta percui non ho mai avuto grandi difficoltà durante lo svezzamento, anzi dovevo stare attenta a non esagerare con le dosi !!!

Lasciatevi coinvolgere e non siate ansiose, se avete dubbi o perplessità chiedete sempre al vostro pediatra. Confrontatevi con le altre mamme ma fatevi guidare sempre dal vostro cuore di genitore.

#mumtobe

Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna notizia

Ti potrebbe interessare anche :

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/vellutata-spinaci-cannellini-tutti-tavola-insieme/

http://blog.pianetamamma.it/mumtobe/bimbi-al-ristorante-consigli-sopravvivenza/

 

 

 

 

Precedente PASQUETTA, GRIGLIA CHE TI PASSA!! Successivo GNOCCHI DI FARINA DI CECI E SUGHETTO DI RICOTTA, mani in pasta!