Non sono una mamma perfetta

Non sono una mamma perfetta e vi spiegherò il perchè.

Non sono perfetta perché appena ho visto il primo test di gravidanza positivo la prima emozione non è stata felicità, è stata PAURA. Paura perché stava iniziando senza ombra di dubbio una nuova fase della mia vita, perché niente sarebbe stato più come prima e perché nessuno mi aveva insegnato come si facesse a fare la mamma (tipo i pannolini come si mettono? gli orsetti vanno davanti o dietro?).

Non sono perfetta perché  i parti dei miei figli non sono stati i giorni più belli della mia vita, anzi. Tra urla di dolore e paura di non uscirne viva ho urlato che non volevo essere incinta, che la prima cosa che avrei fatto appena mi sarei ripresa sarebbe stato evirare il non-marito. Non ho pianto di gioia ma di dolore. Tanto.

Non sono perfetta perché nonostante le mille ore di travaglio e dolori alla fine ho partorito con cesareo entrambe le volte. E non ne ho un bel ricordo. Leggi QUI

Non sono perfetta perché non ho prodotto abbastanza latte per Tempestina e lei ha bevuto anche del latte artificiale. Non sono contraria al latte artificiale, ma dato che non ero riuscita a partorire avrei voluto almeno allattare in modo esclusivo.

non sono una mamma perfetta

Non sono perfetta perché ci sono giorni che arrivata a sera davanti all’ennesimo capriccio vorrei scappare da loro, dalla mia vita e poter fare almeno una doccia in santa pace. E ci sono giorni in cui vorrei tornare indietro, alla vita pre figli.

Non sono perfetta perché a volte perdo le staffe e mi arrabbio .

Non sono perfetta perché i miei figli odiano le verdure e non c’è verso i fargliele mangiare, nascoste, tritate, fritte niente loro le scovano e le scartano, non posso certo fargliele mangiare a forza.

Non sono perfetta, e qui prevedo il linciaggio, perché mangiano anche le merendine confezionate, si quelle con l’olio di palma proprio loro! Io le torte le faccio, ma niente non le mangiano, non c’è verso!

Non sono perfetta perché tra una corsa e l’altra a volte mi dimentico di cambiarlo e va a finire che Sempreallegro ha il pannolino talmente pieno che potrebbe scoppiare da un momento all’altro.

Non sono perfetta perchèéil cesto della biancheria è sempre pieno, e stiro il meno possibile (quasi nulla a dire il vero).

Non sono perfetta perché nella mia casa ci sono sempre giochi in giro e ditate sui vetri, e le raganatele che incubo! Come una maledizione compaiono dal nulla, puoi averle tolte tutte ma eccole che il giorno dopo sono li di nuovo che ti guardano con aria di sfida.

Non sono perfetta perché non gli ho fatto la cameretta montessiorana, anzi alcuni dei loro giochi li ho volutamente messi in posti in cui loro non possono arrivare.

Ma sopratutto non sono perfetta perché non so lasciarli andare, ma sono sempre li con loro e vorrei proteggerli dal mondo.

Non sono perfetta perché sono sempre in ansia, ho paura delle cose brutte che possono succedere e ah si sono anche ipocondriaca e alla prima linea di febbre mi faccio prendere dal panico.

Non sono perfetta ma amo i miei bimbi e posso dire che se il giorno della loro nascita non è stato il giorno più bello, i giorni più belli con loro sono tutti. Sono i giorni dei loro abbracci, dei loro baci, del loro continuo chiamare “mamma mamma”.

Ogni giorno con loro è meraviglioso e anche se non sono la mamma perfetta, sono la loro mamma, e sono perfetta per loro.  Colei che sarà sempre al loro fianco e cercherà di essere una presenza costante ma discreta (ci proverò bimbi miei ve lo giuro!)

Nessuna di noi è una mamma perfetta, ma in fondo siamo tutte perfette per i nostri bambini.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

 
Precedente L'amore di un bisnonno. Ma si torna dal cielo? Successivo Quello che le mamme non dicono

Lascia un commento

*