Le mamme sono fatte di sensi di colpa

Le mamme sono fatte di sensi di colpa.

Le cellule delle mamme si nutrono di forse, di perché dì e di casomai

Di “se avessi fatto“oppure “potevo fare diversamente“.

Le mamme vivono di “perché l’ho fatto” di “forse ho sbagliato“.

Di ora e di mai. Di “mai” accartocciati come foglie da buttare e poi stirati come meglio si poteva.

Le mamme troppo spesso credono sempre di aver sbagliato o che avrebbero potuto fare di meglio.

Le mamme non sono contente e soddisfatte del tutto quasi mai. Perché le loro scelte pesano non solo su loro stesse.

Le mamme pensano, ragionano di giorno di notte.

Fanno schemi mentali e poi li disegnano. Progettano e alla fine cambiano tutto.

Dipingono e subito dopo cancellano.

Sempre nell’incertezza di aver fatto la cosa un po’ meno giusta. Oppure si chiedono se non ci fosse un’altra strada, più semplice, più bella o meno bella non importa.

Le mamme pesano. I pro, i contro i forse e casomai.

Li rimodellano, li mescolano e li rimettono in fila. E poi la stessa fila la scompongono.

Non smettono mai di darsi delle colpe che in fondo non hanno. E si proiettano su prospettive che non gli appartengono.

Le mamme ascoltano. E le parole possono fare male e aggiungere se e ma in una linea che sembrava apparentemente retta.

Le mamme camminano a testa alta, ma la testa ragiona e pensa di nascosto.

Le mamme si danno da fare, e purtroppo non smettono mai di tormentarsi quando a volte in fondo non ce ne sarebbe bisogno.

Le mamme portano il peso delle lacrime e la leggerezza dei sorrisi. Cercando di bilanciare gli uni e gli altri e incolpandosi quando l’ago della bilancia pende dalla parte delle lacrime. Anche se inevitabile che la vita sia un alternarsi di lacrime e sorrisi.

Le mamme, troppo spesso, si danno colpe che non hanno, ne sono consapevoli ma non smettono di farlo.

La mamme sono cosi.

Amatele proprio perché sono così, e perché anche le mamme hanno bisogno di tanto tantissimo amore.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Precedente All'ultimo giorno di scuola. A te che sorridi e a me stessa che piango. Successivo L'estate della mamma che lavora non è estate