Come presentare il neonato al cane

Come presentare il neonato al cane.

La nascita di un figlio comporta dei cambiamenti, per tutta la famiglia cani compresi allora ecco qualche suggerimento, basato sulla mia esperienza, su come impostare al meglio il rapporto cane neonato.

Come vi ho già raccontato prima dell’arrivo di Tempestina avevo già due figlie, nere, pelose e a quattro zampe.

Cosi quando ho scoperto di aspettare una figlia bipede e senza peli ho iniziato a informarmi per capire come gestire al meglio il loro primo incontro.

Diciamo che sono partita in vantaggio perchè loro non sono mai stati cani aggressivi o problematici, anzi, sono sempre state abbastanza tranquille e ubbidienti.

Come presentare il neonato al cane
Pippi e Tempestina

Però si sa i cani sono sempre animali e nella testa di una futura mamma passano mille paure.

La mia paura più grossa era che loro non accettassero il neonato, che lo vedessero come un intruso e che io non fossi stata in grado di gestire al meglio la situazione.

Mi avevano dato tantissimi consigli tipo fargli sentire col telefono il pianto del neonato, oppure appena nato portare a casa delle tutine e dei pannolini sporchi per abituarle all’odore.

Io in realtà ho fatto solo una cosa : ho dato fiducia ai miei cani.

Tutta la gravidanza le ho fatte appoggiare col muso sul pancione per permettergli di sentire la piccola. Quando ho preparato ovetto e carrozzina ho permesso loro di avvicinarsi senza problemi.

Alla fine quando Tempestina è nata appena tornata a casa dall’ospedale , ho fatto la cosa più naturale del mondo: appoggiare l’ovetto per terra per permettere loro di annusarla e conoscerla. Non c’è stato bisogno di fare null’altro, loro sapevano che lei era la mia cucciolina, il nuovo arrivo nel branco.

Da li, ho fatto in modo che la loro vita non cambiasse di molto, a parte qualche passeggiata in meno potevano salire sul divano di fianco a me e Tempestina, stendere il loro muso sulle mie gambe mentre la allattavo, e sedersi di fianco a lei mentre lei dormiva nel cuscinone del divano.

Man mano che lei è cresciuta hanno iniziato a interagire, lei le cercava, le accarezzava le baciava. Loro si sono sempre fatte fare di tutto da lei. Capiscono che è la mia cucciola e la sopportano.

Come presentare il neonato al cane
Ciuffy e Tempestina

Con Sempreallegro è stato uguale, anzi ancora più facile visto che già erano abituate alla prima!

E bello vederli tutti insieme, piccoli cuccioli d’uomo che cercano le cagnoline, le abbracciano, gli portano i loro giochi, interagiscono e si capiscono in modo tutto loro.

Quando vado in giro e vedo bambini che scappano e hanno paura quando vedono un cane, onestamente mi viene male, cari genitori state sbagliando qualcosa perché d’istinto i bambini non hanno paura, permettete loro di conoscere gli animali, di stare a contatto con loro perché fa bene a livello di salute, sia fisica, che mentale.

Aprite le porte delle vostre case a un cane proveniente da un canile, conoscerete un amore puro che non chiede nulla in cambio se non qualche crocchetta da mangiare.

Non potreste fare regalo più bello a voi stessi e ai vostri bambini.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Precedente Il parto dal punto di vista del papà Successivo Sui terrible two, three, four cap 2 strategie di sopravvivenza

Lascia un commento

*