Crea sito

La felicità è una pagina bianca

La felicità è una pagina bianca: un titolo che effettivamente potrebbe voler dire tutto e niente.

La felicità, cosa?!

potreste giustamente obiettare…

Pardon! Mi spiego meglio

Dovete sapere che dopo l’esperienza del ricovero del mio bambino, l’unica cosa di cui forse avevo bisogno era un po’ di leggerezza. Questa leggerezza non solo è arrivata, ma si è letteralmente materializzata dietro il nome di Elisabeth Egan e del suo recentissimo libro dal titolo “La felicità è una pagina bianca“, traduzione non propriamente letterale del più frizzante titolo originale “A Window opens”.

Confesso: non è stato amore a prima vista

Confesso che a prima vista il libro non mi ha entusiasmata: copertina in stile “Ultime dal cielo” (ve la ricordate la serie tv?) e titolo in stile Harmony…

“Mah”, mi sono detta, con aria un po’ perplessa…

Poi però la quarta di copertina riportava alcuni brani delle recensioni del New York Post, Washington Post, Glamour…

Diamogli una chance: un po’ come quei vestiti che non ti porteresti in camerino, ma ai quali, ogni tanto, ti senti di poter dare fiducia.

Non si giudica un libro dalla copertina

Ma se è vero che non si giudica un libro dalla copertina, in questo caso il detto è assolutamente azzeccato: mi cospargo il capo di cenere e faccio un passo indietro!

Un libro perfetto per le mamme

Potrei scommettere che “La felicità è una pagina bianca” è un libro che piacerà soprattutto alle mamme.

Perché?

Perché la protagonista è quello che allo stadio la curva definirebbe:

Una-di-noi!!!

Alice Pearse, la protagonista, è né più né meno una donna nella quale chiunque di noi può immedesimarsi e per la quale, fin dal primo capitolo, non si può non fare assolutamente il tifo!

Alice è una che riformula ogni anno gli stessi buoni propositi:

diventare più flessibile in tutti i sensi, smettere di perdere le staffe con la mia famiglia, iniziare a pagare il parchimetro, togliere la biancheria dalla lavatrice prima che ammuffisca, telefonare più spesso a mia madre, essere meno pettegola

E che si descrive attraverso una similitudine con un paio di stivaletti:

abbastanza presentabili da essere indossati al lavoro, ma anche dotati di una suola resistente, adatta alle corse precipitose tra un reparto e l’altro di Whole Foods

E’ una donna con tre figli ed un gratificante (e amato) lavoro part-time che si ritrova a doversi cercare un impiego a tempo pieno a causa delle improvvise vicissitudini professionali del marito.

Alice adora il suo lavoro part-time, la possibilità di poter dedicare spazio a se stessa senza tralasciare i bisogni della sua famiglia, ma cosa accade quando da lavoratrice part-time diventa a tutti gli effetti una lavoratrice pendolare a tempo pieno?

Quello che io, come molte di voi, già sappiamo bene…

Mamme equilibriste: Alice una di noi!

Alice è il prototipo di un milione di noi: intente a far quadrare i conti nel quotidiano tentativo di diventare perfette equilibriste, sempre in bilico tra famiglia e lavoro.

Non possiamo che provare empatia nei suoi confronti e vivere con lei le emozioni che ci racconta: simpatia per una mamma ironica ed energica, comprensione per le sue difficoltà sia lavorative che famigliari (la figlia adolescente, un marito in crisi, un capo esigente ai limiti della tolleranza e la malattia del padre), tenerezza per i momenti tristi.

La felicità è una pagina bianca

In breve, il libro mi è piaciuto perché è:

  • Leggero ma per nulla scontato o sciocco
  • Scorrevole nonostante le quasi 400 pagine (l’ho letto in una settimana!)
  • Privo di stucchevoli e scontati eccessi di emotività, nonostante alcuni passaggi sinceramente toccanti nei quali poteva essere facile cadere nella tentazione della stoccata emotiva (brava l’autrice!!)
  • Perfettamente lucido nella descrizione di una categoria di donne come le mamme lavoratrici (a breve negli zoo, se non si estingueranno prima per esaurimento nervoso)

Alla fine sono anche diventata follower di Elisabeth Egan su Twitter… ormai la sento come una di famiglia!

Ve lo consiglio!

la felicità è una pagina bianca

mammacheshock

Mammina sempre piena di entusiasmo e assolutamente innamorata della vita! #maridiamocisu - Ovvero, storie di un ordinario tentativo di essere una mamma bella, brava, attenta; una compagna curata e premurosa; una lavoratrice dedita alla sua professione; una donna brillante sempre e comunque: praticamente Mary Poppins!

You may also like...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: