Crea sito

Ascolto empatico, Apertura e Comprensione

Ascolto empatico, Apertura e Comprensione

Ascolto empatico, apertura e comprensione non sono solo concetti astratti, ma reali azioni che possiamo mettere in campo nella vita di ogni giorno.

Una conversazione illuminante

Capita alle volte che si riesca ad intavolare discorsi che hanno un’incredibile conseguenza: aprire la mente.
È ciò che mi è capitato di recente parlando con una donna che credevo di aver conosciuto, per la verità non approfonditamente, alcuni mesi addietro, ma che mi sono accorta di aver conosciuto davvero e compreso solo alla luce di questa finestra temporale che ci siamo concesse quasi per caso.

Nuove visioni e nuove aperture

Parlare con lei mi ha fatto bene.

E mentre mi spiegava il suo pensiero, la sua idea di gruppo, di condivisione, di rispetto e apertura nei confronti degli altri, ero davvero ammutolita per un semplice motivo:

stava dicendo tutto quello che io trovo completamente giusto e assolutamente perseguibile, ma che nella vita reale non avevo mai razionalizzato a sufficienza e, sicuramente per non sufficiente spessore morale e il caratteraccio burbero che mi contraddistingue, di rado sono riuscita a concretizzare.

Mi ha aperto un mondo sulla necessità di un ascolto empatico nei confronti del nostro interlocutore, soprattutto quando la comunicazione avviene nell’ambito di un gruppo.

In gruppo: apertura, ascolto empatico, collaborazione

Questa donna incredibile mi ha ricordato come si dovrebbe agire nell’ambito di situazioni che vedono coinvolte più persone, dal lavoro al volontariato, dallo sport alla semplice amicizia.

Quanto è importante mettersi in una condizione di ascolto empatico nei confronti del proprio interlocutore se si vuole raggiungere un obiettivo comune?

E’ fondamentale!

Su un libro di recente pubblicazione (che non mancherò di recensire per voi) proprio il giorno successivo alla mia illuminante chiacchierata ho letto:

Essere ascoltati ci crea, ci fa aprire ed espandere

(Karl Menninger)

Sarà un caso? Io voglio credere di no.

Devo ringraziare questa donna per avermi voluto esprimere il suo pensiero, essersi aperta a me e avermi dato la possibilità di crescere, riflettere, migliorarmi.

Pensieri corretti e azioni complesse

Alle volte capita che sappiamo bene, nel nostro profondo, quali siano le azioni giuste da intraprendere, ma per una serie illimitata di motivi:

  • pigrizia
  • appiattimento
  • disattenzione

trascuriamo di perseguirle con la tenacia che invece servirebbe.

Come porsi nei confronti degli altri

Credo che tutti dovremmo fare più attenzione a come ci poniamo nei confronti degli altri:

  • non fa mancare mai il rispetto dell’individuo, dei suoi sentimenti, del suo pensiero
  • riconoscere la natura dei messaggi che ci vengono inviati, soprattutto se hanno un tono forte: dovremmo chiederci di più “cosa sta dietro determinati comportamenti”
  • individuare le richieste d’aiuto e non erigere muri
  • essere solidali
  • avere fiducia
  • tendere la mano

 

Grazie Fabiola, farò tesoro della nostra conversazione!

 

mammacheshock

Mammina sempre piena di entusiasmo e assolutamente innamorata della vita! #maridiamocisu - Ovvero, storie di un ordinario tentativo di essere una mamma bella, brava, attenta; una compagna curata e premurosa; una lavoratrice dedita alla sua professione; una donna brillante sempre e comunque: praticamente Mary Poppins!

You may also like...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: