Manifesto: Alto contatto

Manifesto: Alto contatto

Ho scritto di getto il primo articolo ma non mi sono ancora presentata!!! Maleducata!!!
Allora…mi chiamo Francesca, ho un marito mezzo matto e due bimbi (una nanerottola e un fringuellotto) che mi hanno stravolto la vita (in tutti i sensi). Ho scoperto di essere una ecomamma ad alto contatto solo dopo esserlo diventata. Il mio non è stato un percorso facile…non mi sono posta il problema di che tipo di mamma sarei stata fino a che non ho avuto la mia nanerottola fra le braccia…il che parlando con le mamme in dolce attesa mi sembra un pensiero comune. Sembra quasi che tutte ci godiamo la “dolce” attesa senza interessarsi troppo di quello che succederà dopo, confidando nell’aiuto divino per venire poi a capo di tutte le “questioni” che si presenteranno una volta che avremo fra le braccia una creaturina urlante. Come se i due momenti non fossero strettamente e intimamente collegati. Se penso adesso a come ero io prima di diventare mamma mi viene da ridere perché di quella ragazza là non esiste quasi più niente. Purtroppo però prima di arrivare alla consapevolezza di ciò che volevo essere ho dovuto soffrire un bel po’ perché purtroppo viviamo in una società a basso contatto e quando il mio istinto (di mamma mammifera) ha iniziato a tirare fortemente in una direzione mi sono scontrata con una società che mi imponeva suggeriva un modello di genitorialità in cui io non mi rispecchiavo…da lì i dubbi, il senso di inadeguatezza, le lacrime…ho cercato supporto in qualcuno o qualcosa vicino a me ma non ho trovato niente..non ho mai amato troppo internet fino a questo preciso momento della mia vita in cui ho sentito forte il desiderio di confrontarmi, di capire, di cercare disperatamente qualcuno che la pensasse come me. E adesso ringrazio la rete che mi ha permesso di reperire tante di quelle informazioni e di “conoscere” persone che la pensavano come me. Questo ovviamente ha richiesto un bel po’ di tempo perché la rete è un mare di informazioni e trovare le cose (ma anche gruppi di persone) che si cercano non è sempre facile. Il tempo è la cosa più preziosa per una mamma perché scappa via, i bimbi crescono alla velocità della luce e proprio per questo ho la sensazione di aver tolto qualcosa alla nanerottola (che è la maggiore)..e allo stesso tempo l’essere arrivata “pronta” ad accogliere il fringuellotto ha reso tutto davvero più semplice e molto più bello. Amo entrambi i miei figli nella stessa identica prepotente maniera ma con il senno di poi mi rendo conto che è stato più lungo l’innamoramento verso la nanerottola e più immediato quello per il fringuellotto. Vuoi per aver avuto un parto molto più semplice, vuoi per non essere rimasta inchiodata in casa per mesi, vuoi perché finalmente le critiche altrui mi scivolavano addosso…Tutto questo per dire che dopo essere arrivata alla consapevolezza di chi volevo essere è nata prepotente in me la necessità di “aiutare” le altre mamme a scoprire o riscoprire se stesse..perché esiste un altro tipo di genitorialtà oltre a quello fatto di biberon e gadget per l’infanzia di cui siamo costantemente bombardati dalle pubblicità e dai programmi tv. E’ quello della vicinanza e dell’alto contatto, meno sponsorizzato perché invece di mettere in circolo denaro mette in circolo amore (che al giorno d’oggi purtroppo vale meno dei soldi). Ed è proprio con questo obiettivo che nasce questo blog (senza troppe pretese). Non sono un’esperta degli argomenti che tratterò (non sono ostetrica, ne’ medico ne’ psicologa), vorrei solo far conoscere la realtà dell’alto contatto, dell’essere genitori in maniera ecologica e sostenibile..che è molto più semplice di quello che sembra e soprattutto più appagante…il problema è che poi le mamme prendono il vizio..e non riescono a smettere 🙂

 

Tu probabilmente hai già affrontato problemi che altri si preparano a dover affrontare, hai trovato soluzioni che altri ancora non conoscono. Così, ti consiglio di renderti portavoce della tua storia e delle tue soluzioni.

Cit. http://www.dariovignali.net

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
alto contatto ,

Informazioni su esemammaprendeilvizio

Ciao! mi chiamo Francesca ho un Marito Mezzo Matto (MMM) e due bimbi (una nanerottola e un fringuellotto) che mi hanno stravolto la vita. Ho scoperto di essere una eco-mamma ad alto contatto solo dopo esserlo diventata. Il mio blog nasce con l'intento di informare le mamme e i papà su cosa significa essere genitori ad ALTO CONTATTO. Parlerò di tutto ciò che vorrei che qualcuno avesse detto a me prima di diventare mamma, perché ognuno possa fare la propria scelta CONSAPEVOLE e non quella dettata dai pregiudizi della società in cui viviamo o peggio ancora dalle pubblicità o dai programmi tv. Perché solo essendo informati si può scegliere cosa è meglio per la propria famiglia e soprattutto riuscire a cambiare strada se ci accorgiamo che quella intrapresa non fa per noi.

Precedente Il Primo Articolo poteva non riguardare i pannolini lavabili? Successivo 10 cose che ogni ecomamma ad alto contatto deve assolutamente sapere (prima parte)