R-Generation: laboratori per bambini e famiglie all’Expo dal 5 all’11 Ottobre

R-GENERATION EXPO MILANO

Dal 5 all’11 ottobre, per i bambini di età compresa tra 6-12 anni e i loro genitori, partiranno Laboratori ludico-didattici in EXPO per far comprendere l’importanza del riciclo e della raccolta differenziata per il risparmio delle risorse naturali

Sarà perché manca poco più di un mese al termine di EXPO 2015, ma possiamo dire che in questi giorni l’Esposizione Universale di Milano è stata letteralmente presa d’assalto. Le code ai padiglioni più gettonati sono interminabili e spesso, osservando le famiglie in attesa, chi avverte maggiormente sintomi di impazienza sono proprio i più piccoli.

Tra una coda e la visita al padiglione tra quelli indicati come imperdibili, un laboratorio ludico-didattico può essere la scelta giusta per rendere ancora più piacevole ai bambini la visita all’EXPO.

Un’ottima soluzione può essere quella dei workshop “R-Generation” organizzati dal Gruppo Sanpellegrino, Partner di Expo Milano 2015 e Padiglione Italia, con la convinzione che le buone pratiche si imparano fin da piccoli.

Per questo i laboratori ludico-didattici “R-Generation” hanno l’obiettivo di sensibilizzare i giovani visitatori di EXPO sull’importanza del riciclo e della raccolta differenziata. Dal 5 all’11 ottobre, i bambini di età compresa tra 6-12 anni e i loro genitori possono partecipare a workshop della durata di circa 30 minuti che vengono ripetuti sei volte al giorno presso il “Vivaio Scuola”, al terzo piano del Padiglione Italia.

I workshop proposti da Sanpellegrino rientrano nel programma di R-Generation, una grande campagna per l’educazione dei più piccoli alla raccolta differenziata, in particolare del PET, la plastica leggera e riciclabile al 100% di cui sono fatte le bottiglie di acqua minerale e altri contenitori. L’obiettivo delle attività proposte è far comprendere che questi ultimi sono vere e proprie risorse se differenziate correttamente, in grado di portare importanti benefici in termini sociali, ambientali ed economici.

Tra le attività con le quali gli animatori coinvolgono i bambini vi è “Il carrello della spesa”, un gioco interattivo che permette di riconoscere i diversi tipi di imballaggi dei prodotti consumati quotidianamente e di differenziarli nella maniera corretta. L’occasione del gioco permette un approccio diverso verso oggetti che solitamente ci circondano ma dei quali non conosciamo i materiali di cui sono costituiti. Solo capendo di cosa sono fatti è possibile distinguerli gli uni dagli altri per il loro recupero.

E’ poi la volta di un percorso tattile durante il quale i partecipanti scoprono il ciclo di vita del PET e quanti oggetti di valore possono essere realizzati riciclando questo materiale.

Si pensi che con 27 bottiglie di plastica è possibile creare un maglione e con 20 una trapunta in pile. In questo modo i bambini imparano come, utilizzando materiali riciclati, sia possibile risparmiare risorse naturali.

PER APPROFONDIRE: Laboratori Expo

Precedente L'olio johnson: tutto quel che so ve lo racconto Successivo Vaccini: ecco cosa ho chiesto al ministro Lorenzin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.