Abbigliamento tossico: allarme di greenpeace

Nel rapporto “Dirty laundry 2” presentato a Pechino da greenpeace, ci sono dei dati davvero inquietanti sulle sostanze tossiche contenute nei capi di abbigliamento delle marche più famose.

Greenpeace fa scattare l’allarme: Adidas, Ralph Lauren, Uniqlo, Calvin Klein, Li Ning, H&M, Abercrombie & Fitch, Lacoste e Converse che producono abiti in Cina, Vietnam, Malesia e Filippine, utilizzerebbero nonilfenoli etossilati, sostanze chimiche pericolose per la salute, soprattutto per gli organi riproduttivi umani.

fonte: repubblica.it

Precedente Riciclare vecchie tazze e tazzine Successivo Personalizzare un set pappa per la scuola

Un commento su “Abbigliamento tossico: allarme di greenpeace

  1. Deve la sua fama profumino mondiale alla scoperta del continente americano, profumi avvenuta il 12 ottobre del 1492, profumeria ricorrenza nota come profumi Columbus Day, celebrata in Spagna profumo e nelle Americhe profumino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.