I Dorayaki giapponesi – ricetta dolce idea

Per sapere cosa sono i Dorayaki dovete per forza aver conosciuto Doraemon…
Avete presente quel bel micione blu venuto dallo spazio che con la sua tasca sulla pancia faceva concorrenza alla borsa di Mary Poppins???
Si Doraemon.. proprio lui! Io lo adoravo, da bambina non me ne perdevo una puntata e mi piace ancora adesso sedermi sul divano a guardarlo in TV insieme a mia figlia.
Insomma, io adoro Doraemon e lui adora i Dorayaki. Guardate come ne va pazzo!

doraemon_vs_dorayaki

I Dorayaki altro non sono che la versione giapponese dei ben più famosi pancakes americani.
A differenza di questi ultimi però, non contengono né latte né burro.
Inoltre, vanno preparati “a coppia” in modo da formare tanti piccoli panini da farcire tradizionalmente con l’anko, una salsa dolce rossastra ricavata dai fagioli azuki.

Ovviamente prediligo la versione nostrana…farcitura con Nutella oppure marmellata! mmmmmmm troppo buoni!
Prepariamoli insieme 🙂

DORAYAKI: LA RICETTA

INGREDIENTI
2 uova a temperatura ambiente
80 gr di zucchero semolato
1 cucchiaio di miele
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
130 gr di farina 00
50 ml di acqua
1-3 cucchiaini d’acqua per regolare la densità della pastella

dorayaki

PROCEDIMENTO
Rompiamo le uova intere in una ciotola e sbattiamole velocemente con una frusta (a mano).
Versiamo lo zucchero e continuiamo a mescolare; aggiungiamo quindi anche il miele e amalgamiamo per bene il tutto.

Sciogliamo il bicarbonato di sodio nell’acqua, aggiungiamolo agli ingredienti precedentemente mischiati e mescoliamo bene.

Aggiungiamo la farina, setacciandola per bene.
Continuiamo a mischiare fino ad ottenere una pastella omogenea e senza grumi.
Copriamola con della pellicola e lasciamola riposare in frigo per una mezz’oretta.

Trascorso questo tempo, la pastella avrà assunto una consistenza un po’ dura.
Aggiungiamo quindi qualche cucchiaino di acqua per regolarne la densità.

Facciamo scaldare una piastra (va bene quella per le crepes o anche una padella antiaderente) e ungiamola leggermente con dell’olio di semi.
Se rimane troppo olio sulla superficie della piastra, asciughiamolo con della carta assorbente.

Prendiamo un cucchiaio di pastella e versiamola a goccia sulla piastra
Si formerà quindi uno dei due lati del dorayaki: quando vedrete che inizieranno a crearsi delle bollicine, significa che è ora di girarlo dall’altro lato.
Vedrete che avrà assunto un meraviglioso colorito bruno 🙂
Lasciamo cuocere il secondo lato per un minuto o due (il secondo lato sarà quello interno e dovrà risultare di un colore più chiaro del primo).

Continuiamo fino a terminare la pastella e facciamo raffreddare.
Una volta raffreddati, spalmiamo sulla superficie più chiara quel che più ci piace (io ho usato la Nutella e la marmellata di ciliege).
Chiudiamo i dorayaki a sandwich e… voilà!

Pronti per essere gustati.
Dorayaki… che bontà! Grazie Doraemon!

dorayaki

Un sentito GRAZIE a Tutto Sul Giappone per la meravigliosa videoricetta 🙂

*** *** ***

QUESTO DOLCE E’ DEDICATO AL PROGETTO
MDPed: Manovre di Disostruzione Pediatrica 

PROVA2bOgni anno in Italia ci sono 50 famiglie distrutte da una tragedia senza confini:
mediamente 1 bambino alla settimana – 50 bambini all’anno – perdono la vita per soffocamento da corpo estraneo, perché chi li assiste nei primi drammatici momenti NON è formato a queste manovre e genera disastrose conseguenze.
Bocconi “andati di traverso”, l’agire presi dal panico magari cercando di togliere il corpo estraneo con le dita potrebbe peggiorare la situazione.
Sapere cosa fare, invece,  fa la differenza!
Per questa ragione vi chiedo di condividere questo messaggio e di informarvi se nella vostra zona è in programma un CORSO PER ESECUTORIMDPed.
Istruttori qualificati MDPed di C.R.I. ti insegneranno con precisione cosa fare, per eseguire in totale sicurezza tutte le manovre di disostruzione. Durante i corsi MDPed verranno fornite preziose nozioni anche sulla RCP pediatrica (Rianimazione Cardio Polmonare) e, nei corsi dedicati PBLS-D, sarai abilitato all’uso del DAE (defibrillatore semiautomatico esterno) anche per personale NON SANITARIO quali mamme, insegnanti asili nido, maestre scuole elementari, bagnini, allenatori sportivi etc…
Contatti per Varese e provincia:  mdped@provincialecrivarese.it – www.mdped‐varese.it 
Contatti per le altre regioni sul sito della Croce Rossa Italiana

35 thoughts on “I Dorayaki giapponesi – ricetta dolce idea

  1. cuochino il said:

    Ma che senso ha inzozzare un dolce così delicato con un concentrato di calorie e grassi?

    L’anko è semplice da preparare, sana e quanto di più perfetto per questo dolce tradizionale.

    Piuttosto che Nutella cominciamo a usare una crema di nocciole come si deve che sia Luca montersino o Baratti e Milano. Iniziamo a educare i lettori a non usare prodotti così scadenti.

    E sopratutto non snaturiamo le ricette estere che sono già perfette così.

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Anche le critiche fanno bene 🙂
      Il bello della cucina è che ci si può sbizzarrire con l’inventiva. Non si tratta di snaturare, ma proporre nella cucina italiana un qualcosa che italiano non è.
      Quindi niente anko ma nutella (o crema di nocciole o marmellata o panna o via dicendo).
      Nel mio post ho fatto le dovute precisazioni.. mi sembra di capire che però tu non l’abbia letto 🙂
      Buona giornata! 🙂

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Ciao Paolo, se fossero pancakes non si chiamerebbero Dorayaki…
      A differenza dei ben più famosissimi cugini americani, i dorayaki non contengono né latte nè burro ma miele.
      Il sapore è diverso, più leggero.
      Provali e poi mi saprai dire 🙂

  2. Lucrezia il said:

    Ma sono buonissimi!!! Li ho fatti tutti con la Nutella non li ho fatti allargare molto come le crepes e per questo motivo sono venuti belli cicciotti e morbidi sono venuti così buoni che li vogliono come dolci per la domenica volevo variare però oltre Nutella e marmellata potrei provare con ricotta miele e cannella??

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Mi fa piacere che siano piaciuti tanto da essere richiesti come dolce della domenica! 🙂
      Certo che il ripieno puoi prevederlo come preferisci, ricotta miele e cannella non è per nulla male sai?!?!?!?!! Li farò anche io con questa idea! 🙂

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      La crema originale è fatta con i fagioli rossi ma sinceramente non l’ho mai provata… puoi trovare la ricetta in rete
      Se la provi mi fai sapere come viene??? 🙂

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Ciao! Purtroppo non so dirti come poter sostituire le uova che sono fondamentali…mi spiace tanto! Però voglio documentarmi e se ho qualche novità ti faccio sapere 🙂

  3. Aurora il said:

    La ricetta originale richiede l’anko (marmellata di azuki) come ripieno, il cui sapore è quasi identico a quello dei marrons glacés.

  4. mariarosaria il said:

    ma si potrebbe evitare il miele o è necessiario? perdonate la mia ignoranza ma avendo 12 anni non ne so molto di cucina…

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Ciao! Il bicarbonato serve per aiutare i dorayaki a gonfiarsi.
      Se non lo hai, prova con una puntina ina ina di lievito
      Fammi sapere!! 🙂

  5. samuela il said:

    Ciaooo li ho fatti mettendo una puntina ina di lievito al posto del bicarbonato….ottimi si sono gonfiati! Risultato straordinario ed oggi si ripete!!!! Grazire!

  6. C’è una cosa che non capisco,come fanno a gonfiarsi solo con bicarbonato?cioè il bicarbonato ha bisogno di un acido per rilasciare anidride carbonica ma qui non c’è succo di limone o aceto, come caspita hai fatto? :O

    • Pane Amore e Fantasia! il said:

      Ciao! Hai perfettamente ragione quando dici che il bicarbonato ha bisogno di acido per rilasciare anidride carbonica. Ma ti svelo un altro piccolo segreto: il calore. Quando la temperatura è superiore a 70°C il bicarbonato sprigiona anidride carbonica anche senza l’aggiunta di sostanze acide (come il limone o l’aceto). Ecco perché durante la cottura su padella ben calda, i dorayaki riescono a gonfiarsi 🙂
      Provali anche tu!

Lascia un commento


*